Associazione

Manifestazione internazionale “Verità è Libertà” – Roma – 15 gennaio 2022

ROMA, PIAZZA SAN GIOVANNI, 15 GENNAIO 2022
SIT IN PER LA DIFESA DELLA COSTITUZIONE E DEI DIRITTI UMANI

Dopo aver condotto la battaglia referendaria contro il green pass con i colleghi che hanno partecipato all’iniziativa abbiamo deciso di continuare la lotta contro gli abusi di Stato sempre più pressanti attraverso l’associazione Umanità e Ragione.Noi vogliamo riportare al centro di ogni discorso, politico, economico e sociale, la dignità dell’essere umano come bene primario e superiore ad ogni altro interesse, personale o collettivo che sia. Ci proponiamo di aiutare i cittadini non solo con le azioni giudiziarie ma anche con iniziative di sostegno sociale e aiuti concreti perché se non sosteniamo coloro che con coraggio e coerenza stanno affrontando le sofferenze del furto a mano armata del lavoro e della retribuzione, queste persone cederanno e se non restiamo uniti non potremo sperare di ripristinare lo Stato di diritto e il patto sociale impunemente violato dalle Istituzioni. In questo momento, stiamo difendendo i lavoratori sospesi e stiamo raccogliendo le firme in tutta Italia perché tutti i cittadini abbiano la possibilità di partecipare, GRATUITAMENTE, all’esposto che depositeremo alla CORTE PENALE INTERNAZIONALE. I moduli per aderire sono online.Resterà agli ATTI della STORIA il grido di protesta del popolo italiano. La voce di migliaia di cittadini italiani arriverà all’Aja per denunciare i CRIMINI contro l’umanità e gli ATTI DISUMANI, persecutori e degradanti che hanno dovuto subire per mano delle Istituzioni italiane! Tutti coloro che hanno collaborato con le proprie parole, con le proprie azioni, con la propaganda segregazionista ad usare violenza contro i cittadini italiani, vaccinati e non vaccinati, partendo dal Potere per finire all’ultimo degli scienziati e dei giornalisti, saranno chiamati a rispondere delle proprie azioni davanti alla Corte. È un nostro diritto e lo eserciteremo! Ma è anche necessario che noi ci rendiamo conto di come siamo arrivati a questo punto e di chi sono le vere vittime del sistema. Se noi avessimo avuto il coraggio di dire NO quando con regole assurde i ristoratori e i negozianti venivano costretti alla fame, se noi avessimo avuto il coraggio di dire NO quando veniva deciso che dovevamo giustificare i nostri spostamenti, quando veniva imposto il vaccino ai medici, il green pass nelle scuole e nelle università, se noi avessimo avuto il coraggio ed il cuore di essere SOLIDALI con le vittime dei soprusi di Stato non saremmo arrivati alla morte del diritto ed alla distruzione della democrazia.La cultura del terrore dettata dalla religione della scienza ha soppiantato la cultura del diritto, della quale il nostro Paese era la culla. Riprendiamo e ricostruiamo le nostre radici. Dimostriamo di essere un popolo che sa lottare non solo per le proprie libertà ma anche per quelle dei propri fratelli e delle proprie sorelle.Questa lotta, la lotta per i diritti, per le libertà e per la democrazia NON È la lotta dei non vaccinati ma la lotta di TUTTI, per la difesa dei diritti di tutti, per il futuro dei figli di tutti! Nel momento in cui lo Stato impone un pass per l’accesso ad un diritto naturale ed intangibile dell’uomo, per l’accesso ad un servizio che tutti i cittadini pagano con le proprie tasse, sta depredando i diritti di tutti, vaccinati e non vaccinati, sta imponendo il suo VISTO per autorizzare a ciascuno di noi quelle libertà che sono insite nella natura umana e nel concetto stesso di dignità dell’essere umano, dignità è libertà, ed è infatti la libertà che si nega quando si vuol rendere un uomo uno SCHIAVO! A queste vili e subdole forme di oppressione del dissenso,ai loro metodi mafiosi, noi ci opporremo con forza e con dignità. Più aumenteranno gli abusi del potere, più radicale sarà la nostra resistenza. Il diritto al lavoro, il diritto alla retribuzione, il diritto allo studio, non sono concessioni di Stato, NON sono trattabili. NOI NON SCENDEREMO A COMPROMESSI. NON INTENDIAMO “APRIRE DIALOGHI”, INTENDIAMO PORRE FINE A QUESTA SUBDOLA GUERRA CIVILE dichiarata e alimentata dalle Istituzioni, pretendere il rispetto della nostra Costituzione e il ripristino della democrazia, adesso! Prima capiremo che dobbiamo agire uniti, prima ne usciremo. Siamo in emergenza, ma in emergenza democratica, in emergenza di solidarietà, in emergenza di civiltà. Il nostro popolo si è sempre contraddistinto per la sua SOLIDARIETÀ, è il momento di ricordare cosa eravamo e ciò di cui siamo capaci. Se viene proibito ad un essere umano di entrare in un locale, rifiutiamoci di entrare a nostra volta, se viene proibito ad un cittadino di salire su un treno o sulla metro, rifiutiamoci di usare quei mezzi a nostra volta, se viene proibito ad un fedele di entrare in Chiesa senza pass, rifiutiamoci di entrare perché quella non è più la casa di Dio, la casa di Dio è aperta a tutti. Essere solidali significa RIFIUTARE DI ESIBIRE LA TESSERA SEGREGAZIONISTA in ogni occasione possibile e lottare per il riconoscimento dei diritti di tutti i cittadini, senza discriminazioni di sorta. Ritroviamo l’UMANITÀ E LA RAGIONE!

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy