Articoli/Rassegna Stampa

Il punto di Carlo Freccero

La propaganda sanremese

Carlo Freccero commenta così l’intervento di Massimo Cacciari su Il Giornale in merito alla partecipazione di Zelensky a Sanremo:

Sono perfettamente d’accordo su quella che è la tesi centrale dell’intervista di Cacciari. La presenza di ZELENSKY a Sanremo è un atto di propaganda.
Il dissenso rispetto alle idee di Cacciari inizia subito dopo questa constatazione.
Cacciari ritiene la propaganda non solo legittima, ma in qualche modo necessaria perché siamo, di fatto, in guerra.
Io invece respingo la propaganda proprio perché, come la maggioranza degli italiani certificati dai sondaggi respingo la guerra. È il motivo per cui altre personalità straniere illustri come Gorbaciov, Rania di Giordania non hanno creato scandalo. Potevano piacere o non piacere, ma non erano lì a spiegare per ottenere il coinvolgimento totale dell’Italia in una guerra verso cui ci stiamo ineluttabilmente avviando passo dopo passo.        
Mentre i sondaggi sui vaccini hanno assecondato subito la  linea governativa, sulla guerra la maggioranza degli italiani hanno posizioni diverse e non vuole che si vada oltre.              
Abbiamo già stanziato 450 milioni per l’Ucraina non solo senza ritorno, ma subendo drammaticamente i disagi che le ricadute delle sanzioni alla Russia avevano sulla nostra economia e nelle restrizioni della vita quotidiana : mancanza di riscaldamento, crisi di approvvigionamenti.
Ma di fronte al rischio di un conflitto nucleare c’è ancora una sana reazione di rifiuto dettata dall’istinto di sopravvivenza.
Cacciari costruisce una sorta di sillogismo logico per giustificare la guerra. Logico usare la propaganda se dobbiamo promuovere la guerra. Logico che l’Occidente difenda i suoi valori. Logico che l’Impero Americano porti avanti fino in fondo la sua politica imperiale.
Sembra sfuggirgli il fatto che noi non siamo l’impero americano. I valori dell’Occidente diffusi dall’impero non sono i nostri valori.
Valori occidentali sono l’arte, la letteratura, la filosofia, la musica. Valori imperiali sono la CANCEL CULTURE  E LA WOKE CULTURE  che in Italia non condivide nessuno.
Ma soprattutto: la cultura della guerra è contraria alla nostra Costituzione.
Promuovere la propaganda su un palcoscenico popolare come quello di Sanremo va dunque contro l maggioranza del paese.
La democrazia non conta più nulla ???

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy